HomeOrigineSmerillianaI poeti di SmerillianaMosaicoAnticipazioniContatti

Ján Johanides, Le sorgenti di mare attirano il palombaro

Traduzione dallo slovacco di Marta Kovácová

| 7,00 € | pp. 64 | 10,5x15,5 | 978-88-97341-70-3 | The Writer, Milano 2014 |

Le caratteristiche della novella e del racconto slovacchi, pur facendo parte dello stesso genere letterario, si differenziano. Il racconto s’avvicina alla tradizione orale, in quanto la storia s’indirizza verso una trama significativa. La novella è piú letteraria, non è soltanto un narrare, ma anche una stilizzazione dell’oralità; ha possibilità migliori nello sviluppare la situazione, lo spazio e il tempo della storia, agendo sulla magia stilistica della parola, spesso cogliendo aspetti umorali prossimi all’irra- zionale; ha, cosí, maggiore possibilità nell’e- videnziare e nell’accennare a una non chiara, ambigua trama.
La novella di Johanides (1934-2008) Le sorgenti di mare attirano il palombaro è fra le gemme della letteratura slovacca del Novecento. Essa dispone al sentimento dell’amore, ancor meglio: del bene, nonostante che una vita di coppia, vissuta nella quotidianità, resti ‘inconoscibile’ ai protagonisti. Al di là delle tematiche e le forme della prosa del realismo sociale di quel suo tempo, Johanides si concentra sulla vita privata dei personaggi, sulle loro sensazioni di solitudine, angoscia, paura e rassegnazione. La sua opera prima, Súkromie (Vita privata, 1963), di cui fa parte Le sorgenti di mare attirano i palombari, è stata un evento letterario proprio per la ricerca espressiva, l’atmosfera poetica e il preciso profilo psicologico dei protagonisti.
Dalla novella è stata tratta la sceneggiatura per un lungometraggio del regista Dušan Hanák.

E. D.